Translate

Dream House | Silvertop | Una casa alla James Bond

Silvertop è uno dei progetti residenziali più avveniristici di dell'architetto John Lautner, e per tanto tempo considerata da molti l'anello di connessione tra la visione di Frank Lloyd Wright, di cui fu allievo, e Frank O. Gehry.
Recentemente ristrutturata da Bestor Architecture, la Silvertop ha rappresentato l'evoluzione architettonica e di design di Los Angeles a livello internazionale.

immagine dal web

Quando il proprietario, il magnate Kenneth Reiner incaricò John Luatner, nel 1956,  per la realizzazione del progetto di una delle case tecnicamente e strutturalmente più innovative del mondo, la descrisse come: "la casa doveva essere silenziosa, sia all'orecchio che all'occhio, e ottenere un senso di bellezza naturale fondendosi con l'ambiente naturale." 
immagine dal web
immagine dal web
Per molti anni fu  anche conosciuta con i nomi dei proprietari Reiner-Burchill Residence, che parteciparono attivamente alla realizzazione del loro casa da sogno, contribuendo al progetto con la propria capacità inventiva e sapienza tecnologica , creando oggetti futuristici, sistemi elettrici ed idraulici talmente avanzati da evocare la "fantascienza" dei film di James Bond.

immagine dal web
immagine dal web
Tra questi, ad esempio, il tavolo da pranzo che si abbassava grazie a un piedistallo idraulico per diventare un piano da cocktail, lucernari che si aprono sul cielo stellato ed un sistema di riscaldamento e raffrescamento nascosti, invisibile e silenzioso.

immagine dal web
Altre innovazioni architettoniche includevano il tetto in cemento precompresso, esteso per 80 piedi, ad imitare i volumi della collina sulla quale si innalza la casa; un vialetto a sbalzo; una piscina a sfioro, porte a vetro meccanica per il soggiorno, progettata su misura; e poi ancora persiane in legno automatizzate e tende pieghevoli. 

immagine dal web

immagine dal web
Fu uno dei primo grandi usi di Lautner del calcestruzzo monolitico come componente scultorea e architettonica, seguendo i nuovi dettami del pensiero del movimento moderno della metà del secolo. Costruì qui la prima infinity pool mai completata, pareti curve di vetro che potessero aprirsi completamente sui numerosi terrazzi e giardini.
Controsoffitti in sughero per occultare sistemi meccanici o elettrici, pareti interne mobili per rendere più efficienti funzioni come il passavivande dalla cucina alla sala da pranzo, e un 'driveway' di accesso alla casa a sbalzo.

immagine dal web
immagine dal web

immagine dal web
immagine dal web

immagine dal web
immagine dal web
Reiner mise talmente tante risorse nella realizzazione di questo progetto dalla lunga durata di costruzione, da finire sul lastrico. Fu costretto a vendere la casa persino prima che fosse terminata. Fu acquistata dai coniugi Burchill, che apportarono diverse modifiche alla visione originale del primo proprietario e dello stesso progettista. 
Quarant'anni dopo viene rimessa sul mercato, scatenando un'agguerritissima battaglia fra i diversi pretendenti; finendo poi con l'aggiudicazione da parte del music executive Luke Wood, che assunse per la ristrutturazione la sopracitata Barbara Bestor.

immagine dal web
immagine dal web
immagine dal web

immagine dal web
immagine dal web
immagine dal web
"La sfida principale era quella di portare con tatto il XXI secolo dentro questa incredibile struttura, e anche di renderla un'abitazione più calda per la vita familiare", racconta Bestor al termine dell'intenso lavoro durato tre anni.
immagine dal web
immagine dal web
immagine dal web
A Bestor toccò quindi il compito di trasformare questo progetto ingegneristico di casa per il futuro, in funzionalità contemporanea.
"Si trattava di rispettare la visione di Lautner, realizzando discretamente cose che all'epoca non erano ancora possibili, di sostituire sistemi datati, di applicare all'atmosfera da 007 un substrato alla Steve Jobs. In altri casi, come per la cucina era necessario un intervento più incisivo. La via sembrava quella di non appiattirsi sull'originale, bensì di seguire la connessione naturale con l'estetica della scuola di Frank Lloyd Wright o di Alvar Aalto, utilizzando il primo personale linguaggio organico".
I discreti e dosati interventi di Bestor, furono quindi i pannelli di cipresso verticalmente orientati della cucina, il bagno 'open air', la camera da letto con pannelli di vetro retrattili, l'allargamento del terrazzo del soggiorno, da cui si gode la vista a 180 gradi del lago artificiale e dello skyline di Downtown. 
immagine dal web

immagine dal web

immagine dal web
 Inoltre gli elementi meccanici personalizzati sono stati rimodellati e digitalizzati, i sistemi di illuminazione sono stati migliorati e soddisfano gli standard di efficienza contemporanei e il sistema di riscaldamento e raffreddamento a pavimento è stato modernizzato.
immagine dal web
E infine, la realizzazione della costruzione del "Nido del Falco" progettato da Lutner: una torretta d'avvistamento , con la scala a pioli.

immagine dal web

immagine dal web
Sito ufficiale: John Lautner
Studio di progettazione: http://bestorarchitecture.com/silvertop/

Fonti:
Elledecor.com, Gloria Mattioni, 23 Mag 2018, 2018: Odissea a Los Angeles, https://goo.gl/Neb54T
Wsj.com, Christina Binkley, 15 Gen 2018, Inside Beats President Luke Wood’s John Lautner-Designed L.A. Home, https://goo.gl/CUUph9


Conoscevi già il Silvertop?Ti piacerebbe vivere in una casa avveniristica alla James Bond?
Fammelo sapere con una reazione qui sotto e/o con un commento.

Clicca qui per altre Dream House
Ti ricordo che trovi tutti i miei aggiornamenti sui post pubblicati sulla mia pagina Instagram

Baci e fusa

Commenti

I post più letti questa settimana

Il potere dei colori nell'arredo

Sai riconoscere gli Stili d'Arredo?

SEGUIMI SU ⬇️

NEWS D'ARCHITETTURA E DESIGN